NOVOMATIC Italia ha ottenuto per la terza volta il Rating di Legalità da parte dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM). Si tratta di un riconoscimento che certifica il rispetto di elevati standard di legalità, destinato a tutte le imprese italiane che possono quindi ottenere un indicatore oggettivo e ratificato del grado di attenzione riposto nella corretta gestione del proprio business.

“L’ottenimento del Rating di legalità è per noi motivo di orgoglio – ha dichiarato Alessandra Melini, Civil & Corporate Affairs Manager di NOVOMATIC Italia – perché permette a NOVOMATIC Italia di confermarsi quale presidio di legalità e interlocutore affidabile, così come deve essere per ogni azienda e ancor più in un settore come quello del gioco pubblico”.

La riconferma del Rating di Legalità per NOVOMATIC Italia vuole essere una manifestazione dell’importanza che hanno le aziende del settore come baluardo di legalità nell’offerta di gioco.

“Oggi, dopo 15 anni di attività in Italia – ha proseguito Melini -, possiamo affermare con forza che NOVOMATIC Italia ha sempre mantenuto il valore della legalità come vessillo in ogni segmento del settore in cui è presente e in cui opera quotidianamente. Per noi la battaglia al gioco illegale avviene sia attraverso la promozione del gioco lecito, secondo i parametri e nel perimetro consentito dalla legge, sia con il contrasto a luoghi, siti o app fraudolenti, pensati appositamente per ingannare gli utenti”.

A conferma di questo, l’attenzione prestata da NOVOMATIC Italia verso le iniziative di Corporate and Social Responsibility, con primario focus sulla responsabilità rispetto alla diffusione della cultura della legalità a partire dalle 2.600 risorse del Gruppo fino ai numerosissimi stakeholders, ma anche la grande cura verso la gestione virtuosa delle problematiche socio-ambientali, di sostenibilità e di vicinanza con il territorio, connesse alle proprie attività aziendali.

Articolo precedenteFurto in sala scommesse a Salerno, bottino da 60mila euro
Articolo successivoCastelfranco Emilia (BO), Tar accoglie ricorso sala giochi: “Calcolo distanza da luoghi sensibili, Comune deve considerare norme del Codice della Strada su sicurezza pedoni”