Print Friendly

(Jamma) – Lorenzo Verona, vicepresidente della associazione As.tro, nel corso dell’incontro “Gioco in Italia – un settore a confronto” organizzato dall’Associazione a Milano ha osservato:

“Sul tema della ludopatia c’è molta confusione: la realtà è che in Italia ci sono 13mila persone per cui lo Stato spende oltre 50 milioni l’anno. Dove si sono imposti limiti eccessivi, tra cui distanze e orari, il numero di malati è aumentato ed è tornata l’illegalità. L’offerta di gioco è eccessiva, su questo non c’è dubbio.

Quello che contesto è che si intervenga solo nei confronti di una categoria e di un singolo prodotto.

Pubblicità, formazione degli esercenti, riduzione orizzontale di tutti i giochi, collaborazione con le unità sanitarie locali, riduzione a 4 slot al massimo negli esercizi pubblici: sono questi i temi su cui intervenire e sui quali la categoria è disponibile a discutere”.

Commenta su Facebook