“Deve esserci un’estensione progressiva del green pass, oggi previsto solo per ristorazione, musei e cinema, ma se dovesse crescere il quadro sanitario, bisogna riuscire ad andare oltre a questa dimensione limitata”. E’ quanto ha detto Lino Enrico Stoppani (nella foto), presidente di Fipe (Federazione italiana pubblici esercizi) intervenendo al convegno inaugurale di Cibus a Fiere di Parma. “Da una parte abbiamo alle spalle danni e macerie sui fatturati delle nostre imprese, tassi di mortalità delle imprese e un fardello di debiti e non abbiamo marginalità. – ha aggiunto – Ma anche danni qualitativi collegati all’indebolimento della filiera dei pubblici esercizi, in un momento di grandissima incertezza per il rischio collegato allo sviluppo delle varianti”.

Articolo precedenteScommesse Mondiali. Italia, il girone di qualificazione è una formalità mentre il trionfo in Qatar è po’ più complesso: azzurri iridati a 9,00 su Sisal.it
Articolo successivoCovid, Bonaccini (Presidente Emilia Romagna): “Green Pass? Lo estenderei a tutti i luoghi di lavoro”