Il DPCM dello scorso 10 aprile 2020, recante le ulteriori misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19, scioglie i dubbi interpretativi che erano sorti nelle ultime settimane in riferimento all’attività di manutenzione dei congegni – in particolare alla necessità di provvedere alla momentanea accensione degli apparecchi per evitare che la mancata autoricarica della batteria possa danneggiarli-.

In particolare all’art. 2 comma 12 del DPCM 10 aprile 2020 si legge che “per le attività produttive sospese e’ ammesso, previa comunicazione al Prefetto, l’accesso ai locali aziendali di personale dipendente o terzi delegati per lo svolgimento di attività di vigilanza, attività conservative e di manutenzione, gestione dei pagamenti nonché attività di pulizia e sanificazione. E’ consentita, previa comunicazione al Prefetto, la spedizione verso terzi di merci giacenti in magazzino nonché la ricezione in magazzino di beni e forniture”. In ragione di ciò, l’attività di manutenzione dei congegni -previa comunicazione al Prefetto- deve considerarsi consentita.

As.Tro, pertanto, informa i propri iscritti che sono stati predisposti dei nuovi format che possono essere utilizzati per tale adempimento e che possono essere richiesti inviando una email a [email protected]