«Dopo un 2020 drammatico che ha causato crolli verticali di fatturato e la chiusura definitiva di tantissime imprese – soprattutto nel commercio, nella filiera turistica e in quella della cultura e dello spettacolo – oggi siamo ripiombati in una nuova fase difficilissima a causa della veloce diffusione delle varianti del coronavirus.

È quindi evidente che le priorità sono due: il contrasto al Covid e la difesa del tessuto produttivo, tenendo insieme salute e ripresa dell’economia. Due emergenze senza precedenti, alle quali si aggiunge quella sociale, che impongono di alzare il livello di responsabilità da parte di tutti. Soprattutto, vanno trovate risposte oltre il modello del “più chiusure” perché le pesanti ricadute in termini di costi economici e sociali non sono più sostenibili dalle imprese che hanno bisogno di un sostegno più robusto e di una prospettiva diversa all’orizzonte. Penso, in particolare, alla ristorazione e ai bar che, da sempre, applicano con rigore tutti i protocolli e le linee guida per garantire sicurezza e lavoro».

Lo ha detto il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli (nella foto), in un’intervista al Secolo XIX.

«Servono indennizzi adeguati e tempestivi per non far chiudere le imprese ora e farle crescere quando tornerà la normalità. E queste misure devono rispondere alle esigenze dei diversi settori e delle diverse dimensioni d’impresa, incluso il mondo delle professioni. A questo proposito, va individuato un meccanismo che superi il sistema dei codici Ateco, come peraltro è nelle intenzioni del governo, che non introduca tetti rigidi di ricavi e faccia riferimento sia alle perdite di fatturato annuo che ai costi fissi» ha concluso.