Associazione Astro gioco

(Jamma) – E’ stato discusso ieri il ricorso d’ugenza promosso da Astro presso il Tribunale di Torino contro gli effetti espulsivi della legge regionale del Piemonte.

Come noto, il distanziometro previsto dalla normativa regionale ha, di fatto, smantellato la rete generalista dei congegni awp, violando il principio fondamentale della libertà d’impresa e creando una vera e propria forma di proibizionismo.

In Piemonte, il gioco lecito è stato espulso dal territorio regionale (come già ampiamente dimostrato dalle perizie commissionate da Astro per i Comuni di Torino e Chieri) a favore di quello illecito e clandestino che sta rimpiazzando –come prontamente denunciato da Astro- le postazioni prima occupate dall’offerta di Stato.

La richiesta di sospensiva della Legge regionale avanzata nel ricorso è, quindi, mirata a contenere gli effetti dannosi prodotti dalla stessa: ovvero la chiusura delle aziende del territorio con pesanti ripercussioni in termini occupazionali, la perdita di gettito erariale ed il dilagare del gioco illegale.

Il Tribunale di Torino, quindi, dopo la discussione delle parti, ha acquisito le ulteriori evidenze necessarie per la deliberazione -che è attesa a breve- di cui l’Associazione notizierà tempestivamente.

AsTro

Commenta su Facebook