“Questa è una ricerca utile e costruttiva. Il settore subisce spesso un clima negativo in ambito collettivo. E’ noto che esista un problema di immagine, che con l’emergenza pandemica ha subito anche un’accelerazione esponenziale. Questo è un settore contromano e controvento da sempre”.

E’ quanto ha detto Paolo Proietti (nella foto), responsabile nazionale Uiltucs, nell’ambito della conferenza web di presentazione della ricerca “Il Bingo nella crisi del gioco legale in Italia: rischi e prospettive dell’offerta più ‘social’ della galassia gioco”.

“Quando si è riaperto il settore del Bingo quasi tutte le altre attività erano già aperte da un mese. La realizzazione di un protocollo per la riapertura ha dato un risultato importante, ma da un lato l’adozione di queste misure determina un incremento dei costi a carico di aziende e lavoratori. E’ un lavoro che però era inevitabile fare, se vogliamo garantire un futuro a questo settore serve un approccio serio che dia tranquillità alle persone che ci lavorano e ai clienti. Questo modello che ci siamo dati credo possa essere anche un modello di riferimento per affrontare i prossimi mesi che non saranno facili. Con una gestione condivisa spero si possa consentire un’uscita dalla crisi ad un settore che proprio non ne aveva bisogno”.