roma
Print Friendly, PDF & Email

“L’ordinanza sugli orari di funzionamento delle slot machine a Roma, per ora, esiste solo sui giornali. Appena avremo conoscenza completa del documento, a nome dei gestori As.Tro, la analizzeremo e valuteremo l’opportunità di un’eventuale impugnazione. Purtroppo si continua a legiferare contro le aziende, dimenticando la tutela del giocatore”.

Massimiliano Orlandini, Vicepresidente di As.tro, commenta così la notizia, riportata da alcuni organi di stampa, secondo la quale la Sindaca di Roma Virginia Raggi avrebbe firmato l’ordinanza che disciplina gli orari di funzionamento degli apparecchi da gioco nella Capitale (che potranno essere accese dalle 9 alle 12 e dalle 18 alle 23 di tutti giorni, festivi compresi, ovunque esse siano collocate).

“L’ordinanza andrebbe in controtendenza rispetto a quanto affermato da diverse ricerche scientifiche, dalle quali emerge l’effetto-boomerang della regolamentazione degli orari: il giocatore è spinto ad “accelerare” il ritmo delle partite quando si avvicina il momento del break e a riprendere con foga a giocare quando la finestra oraria si riapre”, prosegue Orlandini.

“Se l’obiettivo fosse la tutela della salute del giocatore si starebbe dunque andando nel verso opposto, esponendo ad atteggiamenti compulsivi i soggetti a rischio e penalizzando decine di aziende che operano legalmente sul territorio, pagando le tasse, costrette a chiudere e a mandare a casa centinaia di dipendenti. Quando l’ordinanza sarà disponibile, se i contenuti saranno confermati, valuteremo un’eventuale impugnazione in tribunale”, conclude.

Commenta su Facebook