Associazione AS.TRO
Associazione AS.TRO

Il testo unificato sui giochi della Regione Campania, ormai vicino all’ingresso in aula, è stato il tema dell’audizione che questa mattina ha messo a confronto i consiglieri della V Commissione Sanità e Sicurezza del Consiglio regionale della Campania con un’ampia rappresentanza del settore.

Nel corso dell’incontro sono state esaminate le misure principali contenute nel testo, che prevede il divieto di nuove aperture di sale a meno di 250 metri dai luoghi sensibili, dodici ore giornaliere di stop agli apparecchi e corsi di formazione per esercenti.

Presenti all’audizione le principali associazioni di categoria, che, pur ribadendo il giudizio negativo sul distanziometro ritenuto inefficace rispetto ai fini antiludopatia che si propone, hanno riscontrato un atteggiamento costruttivo da parte dei consiglieri campani.

«Abbiamo percepito una certa apertura – conferma l’avvocato Dario Cesarano, delegato As.tro all’audizione – I consiglieri hanno compreso che vanno tutelati investimenti e posti di lavoro e che il gioco non va confuso con la delinquenza. Il testo unificato campano contiene elementi criticabili ma, tutto sommato, non colpisce la categoria in modo drastico e tutela gli esercizi già esistenti».

Da parte delle associazioni sono arrivate alla Commissione alcune proposte di modifica. Una, in particolare, mira a far sì che i Comuni non abbiano la possibilità di inasprire autonomamente le misure contenute nella legge regionale. Gli emendamenti possono essere presentati fino a martedì 29 ottobre alle ore 12.00. Dopo il voto della Commissione Sanità e Sicurezza, il testo arriverà in aula, dove sarà sottoposto ad approvazione nel corso del mese di novembre.

Commenta su Facebook