“L’ordinanza della Regione Campania n°72/2020 di cui vi abbiamo dato tempestiva comunicazione e che impone, fino al 4 ottobre, ai titolari di esercizi commerciali (quindi anche le tabaccherie) di effettuare la misurazione della temperatura corporea all’ingresso dei locali e di assicurare la presenza di dispenser di gel o soluzioni igienizzanti, è stata parzialmente modificata”. Così in una nota la Federazione Italiana Tabaccai.

“Pur comprendendo l’esigenza di contenere l’epidemia da Covid-19 abbiamo prontamente manifestato alla Regione le nostre perplessità riguardo alcuni obblighi e responsabilità per i titolari di esercizi commerciali previsti dalla nuova ordinanza. Alcune nostre osservazioni sono state accolte e con riferimento al chiarimento 33/2020 e alla nuova ordinanza 73/2020 che modifica parzialmente il punto 1.3 della n.72/2020 si stabilisce che “Con riferimento agli esercizi commerciali di piccola quadratura, ove la misurazione della temperatura non sia possibile per la conformazione della postazione degli operatori (ad esempio, ambienti blindati) e/o perché vi operi un solo addetto, l’obbligo della misurazione della temperatura può essere derogato a condizione che l’accesso dell’utenza ai locali commerciali sia limitata ad una singola presenza per volta.

Ricordiamo che tali disposizioni resteranno in vigore fino al 4 ottobre e vi informeremo tempestivamente qualora ci dovessero essere ulteriori provvedimenti”.

Scrive la Uit: “L’ordinanza 72 del 24 settembre 2020 che ripristinava l’obbligo dell’utilizzo delle mascherine e per i pubblici esercizi la misurazione della temperatura corporea dei clienti è stata modificata. Infatti con ordinanza n. 73 del 25/09/2020 la Regione Campania ha modificato l’obbligo della misurazione corporea all’accesso dei clienti facendo riferimento alle dimensioni dell’esercizio.

Al punto 2 della stessa si recita: ‘…La disposizione di cui al punto 1.3 dell’Ordinanza n.72 del 24 settembre 2020, a mente della quale “Anche in deroga ai protocolli allegati alle ordinanze di cui al successivo punto 1.4. e/o al DPCM 7 settembre 2020, è fatto obbligo ai titolari di esercizi commerciali, culturali, ricreativi, o comunque aperti al pubblico, non all’aperto, di effettuare la misurazione della temperatura corporea all’ingresso dei locali di esercizio e di assicurare la presenza di dispenser di gel e/o soluzioni igienizzanti, subordinando l’accesso ai locali alla previa igienizzazione delle mani e al riscontro di temperatura inferiore a 37,5 °C” è integrata con il seguente periodo: “Con riferimento agli esercizi commerciali di piccola quadratura, ove la misurazione della temperatura non sia possibile per la conformazione della postazione degli operatori (ad esempio, ambienti blindati) e/o perché vi operi un solo addetto, l’obbligo della misurazione della temperatura può essere derogato a condizione che l’accesso dell’utenza ai locali commerciali sia limitata ad una singola presenza per volta’.

La Regione Campania ha così recepito i dubbi e le perplessità manifestate anche dalla UIT in merito alla praticabilità di quanto prescritto con la precedente ordinanza.

Come ben si evince, quindi, l’obbligo cessa esclusivamente per gli esercizi e, nel nostro caso, per le Tabaccherie di ridotte dimensioni ed in presenza di un solo addetto. Pertanto nel caso di Bar Tabacchi, Tabaccherie con annessa sala giochi, rivendite con superfici di medie e grandi dimensioni, l’obbligo di misurazione della temperatura corporea dei clienti persiste. Attenzione alle generalizzazioni o a fuorvianti informazioni che nelle ultime ore sono state diffuse” conclude la Uit.