“Dare una nuova vita al Totocalcio: questo il senso della riunione in modalità a distanza indetta dall’ADM a inizio settimana. Il nostro Sindacato ha partecipato attivamente in rappresentanza dei tabaccai ricevitori parlando per bocca del Vice Presidente Nazionale Emilio Zamparelli. Il quale ha sottolineato come il rilancio del Totocalcio debba passare per la rivisitazione della formula di gioco che deve comunque restare semplice e di immediata comprensione”. Così in una nota il Sindacato Totoricevitori Sportivi.

“Per attrarre l’utenza e formare il montepremi deve essere rispettato l’aspetto intuitivo del concorso che, aiutato da un jackpot consistente, prospetti sì vincite importanti ma anche vincite popolari e frequenti.

Per ottenere il massimo dei risultati, sarà inoltre indispensabile una rete terrestre professionalmente preparata, diffusa e remunerata adeguatamente: Zamparelli è stato l’unico, tra i partecipanti, a sottolineare questo aspetto fondamentale sul quale non si potrà e non si dovrà transigere.

Questi, in breve, i punti che il Sindacato svilupperà nel contributo scritto richiesto dallo stesso Direttore dell’ADM Minenna a tutti i partecipanti. Nella nostra relazione metteremo tutta l’esperienza accumulata nei 25 anni di attività sindacale, augurandoci che i suggerimenti che forniremo possano essere condivisi e accolti.

Il nostro Sindacato è nato proprio come strumento di rappresentanza dei totoricevitori sportivi. Ecco perché, sebbene il mondo dei giochi sia profondamente cambiato nel corso degli anni, la riconoscenza che dobbiamo al Totocalcio merita tutto il nostro impegno.

Ma siamo certi che i tempi siano maturi per mettere in campo uno sforzo collettivo che coinvolga tutte le componenti del settore”.