Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Il Consiglio Comunale del Comune di Napoli, con delibera 74 del 21 dicembre 2015, ha approvato il Regolamento “Sale da gioco e Giochi leciti” finalizzato a limitare l’apertura di nuove sale slot in città.
Il Regolamento approvato all’unanimità in Consiglio comunale, vieta l’apertura di nuove sale per il gioco d’azzardo nei pressi di punt sensibili. “Si tratta”, come ebbe a dichiarare Don Armando Zappolini, portavoce della campagna Mettiamoci in gioco, di una norma che fissa regole e limit non solo legittimi ma anche necessari per contrastare il gioco d’azzardo patologico”.

Il Regolamento ha ottenuto varie pronunce favorevoli del Tar a fronte di numerosi ricorsi avversi e la sua applicazione ha già prodotto una determina di chiusura della Sala slot a Piazza Dante. “La soddisfazione per le circostanze appena ricordate non può farci dimenticare – afferma Gianvincenzo Nicodemo, Presidente delle Acli della Città Metropolitana – che il Regolamento del Comune tocca centri di interessi economici forti, che dispongono di capacità di pressione mediatica e di opinione. Per questo c’è bisogno della vigilanza dei cittadini al suo rispetto e del sostegno saldo e determinato dell’intera assemblea politica cittadina”.

Pertanto, le Acli hanno scritto una comunicazione ai capigruppo in Consiglio comunale nella quale chiedono rassicurazioni in merito alla volontà, da parte dei gruppi consiliari, di difendere il Regolamento al fine di limitare la diffusione della dipendenza da gioco d’azzardo. “Riteniamo essenziale – ha dichiarato il Presidente delle Acli della città metropolitana Gianvincenzo Nicodemo – che il Regolamento venga applicato così come è vigente, e chiediamo un impegno in tal senso da parte di tutte le forze politiche”.

Nell’ambito della scorsa campagna elettorale, chiosa Nicodemo, “abbiamo chiesto un impegno esplicito ai candidati sindaco De Magistris, Valente e Lettieri ottenendo una chiara espressione di assenso”. La lettera si chiude con l’auspicio che ciascun gruppo consiliare “si impegni per difendere il Regolamento e l’ordinanza sugli orari di apertura delle sale giochi”.

Commenta su Facebook