“La proposta di destinate una percentuale della raccolta delle scommesse sportive per alimentare il ‘Fondo per il rilancio dello sistema sportivo nazionale’  non è una scelta razionale e soprattutto non pare sia dettata dal buon senso, a maggior ragione se si tiene conto dell’incertezza economica che grava sul sistema che contraddistingue le scommesse da tutte le altre tipologie di giochi, a ciò si aggiungano le incognite che si insinuano nella ripresa”. E’ il commento dell’avvocato Francesco Modugno, consigliere di Emi Rebus.
“La tassazione che il Governo si accinge a confezionare, potrebbe determinare l’irreversibilità dei processi economici legati al mondo delle scommesse , in buona sostanza genererà una maggiore ‘entropia’, intesa come misura del livello del disordine fino a una situazione di caos.
E’ necessario, prima di avanzare proposte in termini di tassazione, far ripartire il settore, con le sue agenzie (queste ultime presidio di legalità sul territorio), ciò anche per scongiurare il perpetrarsi di accadimenti come quelli passati nelle ultime ore negli onori di cronaca , mi riferisco alle operazioni effettuate a Palermo”.
“Si corre seriamente il rischio di determinare la morte fredda del sistema delle scommesse legali”.

Advertisement