pucci

“Apprendere che una sala – secondo la legge un luogo inaccessibile per i minori – consenta l’ingresso e il gioco a una ragazzina di dodici anni, non fa male soltanto agli stessi minori, alle loro famiglie e ai territori che ci ospitano, ma a tutto il settore legale che cerca di rispettare le regole imposte dallo Stato.

E’ inutile che si vada nelle scuole a fare prevenzione, è inutile organizzare corsi di formazione se poi l’intero movimento del gioco lecito viene compromesso nella sua credibilità e affidabilità da notizie di questo genere”. Questo il commento di Massimiliano Pucci, Presidente di As.tro, alla notizia di cronaca circolata nelle ultime ore relativa alla multa e alla sospensione della licenza per un gestore di una sala di Gallarate, in provincia di Varese, in cui è stata sorpresa una dodicenne intenta a giocare a una slot machine.

“Il problema va al di là del fatto di cronaca in sé: la verità è che molte sale sono gestite da persone non formate in maniera adeguata. La riforma del settore non può e non deve passare esclusivamente dalla riforma di un singolo prodotto, ma deve agire a 360 gradi, partendo da una selezione accurata e una formazione adeguata degli addetti ai lavori”, prosegue Pucci.

“Prima di parlare dei rischi legati a un singolo prodotto, o di misure adottate dalle Istituzioni locali, come distanziometri e fasce orarie, a nostro avviso inefficaci per prevenire i rischi legati alla ludopatia, bisogna mettere in discussione una parte di questo settore che non è legittimata a svolgere un lavoro così delicato”, spiega ancora Pucci. “Dobbiamo agire su chi gestisce una sala, spiegando che far giocare un dodicenne – oltre che costituire un reato – non può che legittimare le spinte abolizioniste di chi crede che il gioco sia un male sociale” conclude il Presidente di As.tro

Commenta su Facebook