“Non c’è pace per i lavoratori del gioco legale. Davvero non si riesce a comprendere per quale motivo non sia stata concessa anche alle imprese della filiera del gioco pubblico legale la possibilità di ripartire. Il rinvio sine die è assolutamente inaccettabile. È necessario dunque dare voce al disagio, ed è per questo che l’associazione Emi Rebus esprime solidarietà alla manifestazione organizzata oggi a Napoli dalla A.G.S.I.. La democrazia nasce nelle piazze e il diritto di manifestare, esercitato nei limiti di ogni prescrizione di legge, rimane un diritto sacrosanto riconosciuto ad ogni cittadino italiano”. E’ quanto dichiara Antonia Campanella (Presidente Emi Rebus).