“Confcommercio è interessata in prima persona al settore, noi siamo attenti alla problematica perchè rappresentiamo il comparto. In Toscana è prevista la formazione obbligatoria per gli operatori, questa è una fattispecie importante di intervengo legislativo a livello regionale. La formazione, ovviamente, non deve diventare un mero adempimento burocratico. E’ fondamentale che questa metta in condizione gli operatori del settore e i Serd di sviluppare una reale collaborazione. Solo così si potranno avere misure di prevenzione che permettano interventi davvero efficaci. L’illegalità è un costo troppo alto per gli operatori”. Lo ha detto Gianni Picchi (nella foto), vice direttore Confcommercio Toscana, nell’ambito dell’evento “Lottomatica Talks Firenze. Gioco Pubblico, Responsabilità e Tutela dei Consumatori”.

Articolo precedenteLottomatica Talks, Ghizzoni (vice questore Firenze): “Normativa giochi è lacunosa e frammentata”
Articolo successivo“Troppe incertezze su future gare gioco online e scommesse sportive”: A.GI.SCO chiede incontro al direttore Minenna (ADM)