“Dopo il bonus monopattino, per le biciclette e altri provvedimenti “creativi”, ora arriva la lotteria. Chiediamo quantomeno che la misura venga rinviata per dare più tempo alle imprese di adeguarsi”. Confartigianato Marche interviene sulla “lotteria degli scontrini” il cui avvio è previsto per il 1° gennaio 2021.

“Gli imprenditori devono adeguare i registratori telematici per gestire “il codice lotteria” e supportare la nuova procedura: un altro aggravio per le imprese che si trovano a sostenere ulteriori costi in questa fase di emergenza economica. C’è a chiedersi ora a quando una tassa “sull’aria che si respira”. Siamo di fronte ormai da anni alla fatturazione elettronica, controlli e tracciamenti bancari pressoché costanti, è ormai evidente che siano altri gli ambiti nei quali andare a scovare l’evasione. Le imprese sono stremate ed in questo momento così complesso non hanno davvero bisogno di altre incombenze. Tramite la Confederazione nazionale – sottolinea il Segretario generale di Confartigianato Marche, Giorgio Cippitelli – abbiamo chiesto che la misura venga rinviata per dare più tempo alle imprese di adeguarsi e che il costo sostenuto venga trasformato in credito d’imposta. Inoltre Confartigianato ha fatto presente la necessità che la possibile segnalazione del consumatore finale dell’eventuale “rifiuto” da parte dell’esercente di acquisire il codice lotteria non divenga operativa immediatamente bensì in un momento successivo (non prima del 1° aprile 2021) dando pertanto modo agli esercenti di adeguarsi ai nuovi adempimenti”.