“La lotteria degli scontrini rischia di diventare una spesa aggiuntiva per il piccolo commercio, ma anche per gli artigiani della cura della persona e di quelli dotati di POS, che non possono permettersi, soprattutto in questi tempi grami, il lusso di perdere clienti. I registratori di cassa e in generale gli strumenti elettronici vanno aggiornati e corredati di apposite apparecchiature per acquisire e trasmettere i dati dei clienti”. Lo evidenziano Claudio Corrarati e Angelo Matellini, rispettivamente presidente della CNA Trentino Alto Adige e direttore della CNA La Spezia.

“In aggiunta alla deducibilità dal reddito d’impresa del costo sostenuto per l’adeguamento dei registratori di cassa e delle apparecchiature elettroniche, sia riconosciuto agli esercizi commerciali e agli artigiani anche un credito d’imposta pari al 50% del costo, al fine di alleggerire l’onere conseguente alla partecipazione alla lotteria degli scontrini” aggiungono.