«Nell’incontro avuto il 25 marzo con il sindaco Salvetti avevamo presentato il nostro progetto per la migliore riapertura dell’ippodromo e ci auguriamo che il piano C, sul quale l’amministrazione ha iniziato a lavorare, vada nella direzione da noi proposta».

Lo dice Attilio D’Alesio della Caprillina: «Facciamo notare al Sindaco che riuscire ad organizzare 6 giornate di corse, non è una “passeggiata”. Restiamo a disposizione per contribuire alla riapertura del Caprilli, nei tempi e nei modi più opportuni, anche costituendo una Nuova Caprillina». E’ quanto si legge su Il Tirreno.