“Il 25 marzo si è svolto l’incontro con il sindaco Salvetti sul futuro dell’Ippodromo Caprilli di Livorno. E’ stato un incontro molto interessante nel corso del quale abbiamo presentato la nostra proposta che in sintesi e’ la seguente: affidare la gestione temporanea dell’Ippodromo all’associazione La Caprillina, che conosce benissimo l’impianto avendoci lavorato per un decennio; svolgere le giornate di corse che verranno assegnate dal Ministero; aprire l’ippodromo al pubblico, sperando che la pandemia sia finalmente finita; far tornare il Caprilli ad essere il grande teatro all’aperto che è stato in passato, dove svolgere oltre alle corse dei cavalli anche attività equestri con i giovani e le scuole, i corsi di ippoterapia, le manifestazioni ippiche e tante iniziative culturali, teatrali e ricreative”. Così in una nota Andrea Ghezzani e Attilio D’Alesio (Coordinamento Ippodromi).

“Il sindaco dopo aver ascoltato la proposta, il relativo piano economico ed il progetto complessivo di rilancio dell’ippodromo, ci ha comunicato che l’amministrazione sta predisponendo un bando per l’assegnazione temporanea biennale della gestione dell’ippodromo, che sarà pubblicato molto presto. Poi ci ha detto che i lavori per la sistemazione dell’impianto, che è stato trovato molto degradato, sono in corso e che il 10 luglio si dovrebbe poter svolgere la prima giornata di corse. Nel prendere atto di quanto sopra, non ci resta che aspettare di leggere il bando, augurandoci che la fondazione La Caprillina sia in possesso dei “requisiti” previsti per la partecipazione”.