Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Lorenzo Verona, Vicepresidente Astro e Responsabile Territorio, in nome e per conto di Sistema Gioco Italia-ConfindustriaSIT, incontrerà -oggi pomeriggio- i rappresentanti del Comune di Castelfiorentino (FI), per discutere della bozza di regolamento sul gioco lecito che l’Amministrazione Municipale si accinge a varare.

A Castelfiorentino prosegue, pertanto, il confronto tra gli operatori del gioco lecito e i rappresentanti delle Istituzioni locali sulle dinamiche di un comparto sicuramente complesso e problematico, ma centrale per la tenuta del circuito commerciale dei territori ed per il presidio di legalità a contrasto delle offerte non autorizzate di gioco.

L’obiettivo di ogni incontro istituzionale è quello di sensibilizzare le Amministrazioni Locali sulle strade alternative rispetto alle “proibizioni”, statisticamente inefficaci e controproducenti sotto il profilo socio-sanitario, benché spesso “applaudite” da tutti coloro che non si curano degli effetti concreti che le stesse generano, in termini di disoccupazione, riviviscenza delle infiltrazioni malavitose connesse al gioco illegale, aumento del G.A.P., limitandosi a compiacersi dei danni afflitti ad un ramo dell’industria italiana .

Si proporrà, per contro, un progetto sul gioco lecito “allineato” alle esigenze di cautela e controllo che le Amministrazioni Locali perseguono correttamente, illustrando le notevoli potenzialità preventive raggiungibili tramite progetti integrati di sinergia operativa tra imprese e Istituzioni Locali: formazione “seria” e protocolli operativi “stringenti” tra punti vendita e servizi comunali elevano la qualità dei servizi di gioco, li rendono allineati agli interventi dei preposti alle funzioni socio-sanitarie, e soprattutto marginalizzano il gioco patologico.

Le limitazioni-proibizioni, invece, hanno oramai esaurito la loro “portata innovativa e sperimentale” ed hanno accumulato lunghi “storici” di risultati non positivi, tanto è vero che ove già emanate, se ne è riscontrata l’inutilità per la concreta tutela delle fasce deboli della popolazione.

AsTro

Commenta su Facebook