Sono 77 i lavoratori della struttura dell’Ippodromo di Agnano a rischio licenziamento. La scelta colpisce uno dei simboli di Napoli, cornice in cui ad ottobre si è svolto un grande evento come il Gran Premio Lotteria. Scendono in campo i sindacati.

«La crisi dell’Ippodromo pone il tema di un progetto per l’area occidentale della città. Si deve rilanciare con le risorse europee e vanno messe in sinergia le varie attività (Terme, Edenlandia, Città della Scienza, Zoo) per realizzare un vero Parco tematico. Ora si salvi l’Ippodromo» spiega Gianluca Daniele Fdv Cgil.

Intanto per scongiurare i licenziamenti e la chiusura dell’ippodromo di Agnano le organizzazioni sindacali saranno ricevute lunedì a Palazzo San Giacomo. I sindacati chiedono proprio «al Comune di intervenire subito, assumendosi le proprie responsabilità ed evitare un ennesimo schiaffo all’occupazione della nostra città e ai lavoratori che vedono ancora una volta messo a rischio il proprio posto di lavoro sia per le sempre più esigue risorse destinate al settore dell’ippica da parte del governo nazionale così come contenuto nella proposta di legge di bilancio» come rimarcato da Alessandra Tommasini, segretario generale Slc Napoli.

Lo riporta ilmattino.it.