EGP-FIPE ha siglato il protocollo con Polizia di Stato e FIPE-Confcommercio che estende alle sale aderenti il progetto #SicurezzaVera, nato circa 2 anni fa dalla collaborazione tra il Gruppo Donne Imprenditrici della FIPE e la Direzione Centrale della Polizia Criminale.

Con questa firma, le Gaming Hall della rete EGP-FIPE diventano presidi di legalità contro la violenza sulle donne. A partire da oggi, ogni sala – dopo il programma formativo dedicato – individuerà dei responsabili #SicurezzaVera, preparati a riconoscere segnali di potenziali molestie o violenze di genere nei confronti di clienti e lavoratrici, oltre che ad informare e richiedere l’intervento delle forze dell’ordine attraverso l’utilizzo dell’app #YouPol.

“Abbiamo deciso di aderire al progetto #SicurezzaVera perché condividiamo in pieno i valori alla base di questa importante iniziativa. – dichiara il Presidente Emmanuele Cangianelli – Il contrasto alla violenza di genere deve essere una priorità assoluta e crediamo di poter dare, insieme a Fipe-Confcommercio, il nostro contributo alle forze di polizia impegnate quotidianamente anche in questa difficile battaglia. Le nostre sale sono per loro natura un presidio di sana socialità e di legalità e contano su un personale abituato a gestire il rapporto con gli avventori attraverso un costante contatto umano.

Anche dal punto di vista della tecnologia, abbiamo a disposizione sistemi di videosorveglianza, anche esterna, che potranno certamente essere molto utili per monitorare tutto quello che succede, dando la possibilità di intervenire tempestivamente. Se poi consideriamo che tra gli addetti ai lavori e ancor di più tra i giocatori la componente femminile è spesso maggioritaria, è evidente che Gaming Hall e sale Bingo sono davvero il luogo ideale per promuovere ogni attività di prevenzione e controllo su possibili casi di violenza di genere”.

Articolo precedenteViolato il divieto di pubblicità al gioco d’azzardo, sala slot di Città di Castello (PG) multata per 50.000 euro da AGCOM
Articolo successivoMasaf: modificato il calendario corse degli ippodromi di Napoli e Trieste