“I punti di vendita di gioco pubblico troppo poco spesso vengono percepiti come luoghi di presidio della legalità. Quando questi durante il lockdown sono stati chiusi si è però visto che l’illegale è esploso, così come accaduto nelle regioni che tramite specifiche normative hanno espulso il gioco pubblico. Questa iniziativa punta quindi soprattutto a evidenziare come i punti di gioco pubblico siano presidio di legalità. Abbiamo poi voluto fare anche un passo in più, ci siamo detti perchè non far diventare i punti di gioco pubblico dei luoghi di legalità allargata, dove eventuali fenomeni illeciti possano essere veicolati verso le autorità competenti? Quindi ecco che questi punti gioco, capillarmente diffusi sul territorio, diventano ora uno strumento per aiutare le istituzioni a conoscere dove ci sono fenomeni di illegalità”. Lo ha detto Matteo Marini (nella foto), Ad di Admiral Gaming Network, durante l’inaugurazione della prima “Casa della Legalità” del Lazio tenutasi presso l’Admiral Bingo di Via Prenestina 657 a Roma.