88 organizzazioni europee e americane colpite dai dazi UE-USA hanno inviato oggi una lettera al presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e al presidente degli Stati Uniti Joseph R. Biden sollecitando la rimozione permanente dei dazi sui settori estranei alle controversie commerciali transatlantiche in corso, che recentemente hanno colpito anche l’importazione di macchine da gioco di fabbricazione statunitense in Europa.

Le organizzazioni, che spaziano dai prodotti agricoli ai beni di consumo e industriali, accolgono con favore la recente sospensione di quattro mesi dei dazi dell’UE e degli Stati Uniti che erano stati imposti a seguito delle controversie di lunga data sui grandi sussidi per gli aeromobili civili. Con loro c’è anche Euromat. “Ci auguriamo che questa sospensione aiuti a ripristinare le vitali relazioni commerciali transatlantiche e conduca alla rimozione permanente di tutte le tariffe aggiuntive e di ritorsione sui prodotti che non sono correlati ai settori soggetti alle controversie commerciali transatlantiche in corso”, ha affermato il gruppo.

Hanno aggiunto: “È importante per i nostri membri, già drasticamente colpiti dall’impatto economico della pandemia, poter fare affidamento sulla sospensione continua o sulla completa rimozione di queste tariffe dopo luglio 2021”. Citando l’incombente scadenza del 1° giugno per la seconda ondata di dazi nella controversia su acciaio e alluminio, le organizzazioni chiedono una sospensione delle tariffe in altre controversie, mentre entrambe le parti stanno elaborando una soluzione più permanente.

“Le relazioni transatlantiche sono di enorme importanza economica per i nostri settori e siamo ansiosi di vederle protette e alimentate”, hanno affermato le organizzazioni. “I nostri settori non dovrebbero più subire danni collaterali in controversie non correlate”. Hanno concluso: “Esortiamo fortemente l’UE e gli Stati Uniti a intensificare gli sforzi per garantire la rimozione permanente dei dazi sui prodotti non collegati ai settori soggetti alle controversie commerciali transatlantiche in corso e ad evitare nuove tariffe aggiuntive. Ciò creerebbe la certezza e la stabilità necessarie per far crescere l’economia transatlantica mentre si riprende dalla pandemia COVID-19″.

Scarica al link seguente la lista delle organizzazioni aderenti:

List of U.S. and EU Trade Associations