I comuni dell’Emilia-Romagna stanno inviando delle comunicazioni agli esercenti per avvisarli che, entro il 20 marzo 2022 (data programmata per la scadenza delle attuali concessioni), le AWP installate presso gli esercizi generalisti che si trovano sotto distanza dovranno essere dismesse ai sensi dell’art. 6 della legge 5/2013, che equipara a nuova installazione il rinnovo del contratto con il concessionario o la stipula di un nuovo contratto.

In ragione di ciò, quest’oggi AS.TRO ha inviato una lettera al Comune di Bologna per informare l’Amministrazione comunale che, per effetto di quanto stabilito dall’art. 103, comma 2, del decreto-legge 18/2020, le concessioni vigenti (in qualsiasi ambito) sono automaticamente prorogate fino al 30 giugno 2022.

Dal momento che i contratti intercorrenti tra esercenti e concessionari collegano la loro scadenza a quella delle concessioni (comprese le eventuali proroghe delle stesse), la norma sopra richiamata determina automaticamente anche la proroga di detti contratti. Pertanto, almeno fino al 30 giugno 2022 (salvo ulteriori proroghe che potranno riguardare nello specifico le attività di gioco), non si verificherà alcuna delle ipotesi che l’art. 6 della legge 5/2013 equipara a nuova installazione. Per tutta la durata della proroga, gli esercenti potranno quindi mantenere gli apparecchi attualmente installati presso i loro esercizi.

Si ricorda, infine, agli iscritti che l’associazione ha predisposto un format che gli esercenti potranno inviare ai Comuni in risposta all’eventuale intimazione di dismettere gli apparecchi entro il mese di marzo p.v. e che può essere richiesto inviando una mail all’indirizzo [email protected]