I limiti di spesa impostisulle giocate rischiano di portare più persone verso il mercato nero del gioco d’azzardo non sicuro e non regolamentato. Lo dice il 67% dei giocatori.

Un nuovo sondaggio di YouGov per il Betting and Gaming Council, organizzazione britannica che fa capo a operatori del gioco, ha rivelato le preoccupazioni degli scommettitori abituali ora che il governo prende in considerazione una revisione delle leggi sul gioco d’azzardo.

Il 67% degli intervistati afferma che i limiti obbligatori rischiano di spingere gli scommettitori verso il crescente mercato nero del gioco d’azzardo, il 64% del pubblico teme che l’aumento dell’uso di siti illegali provocherebbe un aumento dei tassi di gioco problematico.

Quasi il 70% delle persone che piazzano una scommessa ha affermato che non sarebbe disposto a consentire alle società di scommesse e giochi regolamentate di effettuare controlli obbligatori di accessibilità per dimostrare che possono permettersi di scommettere, che è stato richiesto dagli attivisti contro il gioco d’azzardo per affrontare il problema del gioco patologico.

Il numero di persone che giocano d’azzardo su siti del mercato nero non sicuri nel Regno Unito è raddoppiato da 220.000 a 460.000 negli ultimi anni e l’importo puntato è di diversi miliardi.

Gli ultimi dati della Gambling Commission mostrano che il tasso di gioco d’azzardo problematico tra gli adulti nel Regno Unito rimane basso rispetto rispetto agli standard internazionali allo 0,3%, in calo rispetto allo 0,4 dell’anno precedente.

Michael Dugher, amministratore delegato dell’ente per gli standard BGC, ha affermato che il sondaggio YouGov è importante per i ministri ora che si preparano a pubblicare il white paper sul gioco d’azzardo nelle prossime settimane.

Ha esortato il governo ad adottare un “approccio attentamente mirato” per garantire il giusto equilibrio tra la protezione dei vulnerabili, senza guidare la stragrande maggioranza che scommette in modo sicuro e responsabile verso il mercato nero online non regolamentato e non sicuro

Dugher ha dichiarato:  Sosteniamo fortemente la Gambling Review come ulteriore opportunità per innalzare gli standard e promuovere un gioco d’azzardo più sicuro.

“I ministri hanno sempre giustamente affermato che sarà un processo basato su prove, questi risultati del sondaggio sono un importante promemoria dei rischi di sbagliare introducendo controlli di spesa arbitrari .

“Eventuali modifiche introdotte dal governo devono essere attentamente mirate in modo da proteggere i vulnerabili e intervenire su coloro che mostrano segni di danno, senza guidare verso il mercato nero la stragrande maggioranza di milioni di scommettitori che scommettono in sicurezza , dove ci sono nessuna delle protezioni per il gioco d’azzardo più sicure utilizzate dai membri di BGC.

Ci sono migliaia di siti web di gioco d’azzardo illegali che non aderiscono ai severi standard nel settore autorizzato e regolamentato.

Ciò include prendere di mira i giocatori problematici, non eseguire severi controlli di identità e verifica dell’età o offrire la gamma di strumenti di gioco più sicuri forniti dai membri di BGC, come limiti di deposito e periodi di riflessione.

Gli operatori regolamentati intervengono già laddove i clienti mostrano segni di problemi con il gioco d’azzardo o che potrebbero essere a rischio.

Il BGC è a favore di controlli di spesa ulteriormente rafforzati, ma ritiene che l’attenzione dovrebbe essere rivolta ai giocatori problematici o a quelli a rischio piuttosto che a tutti coloro che scommettono.

Articolo precedenteUK, il mercato nero del gioco online guadagna più di 1.000 giocatori ogni mese
Articolo successivoScommesse, tribunale annulla sequestro dei PC in un PVR: “Non è stato provato che fossero utilizzati per giocare online” (TESTO SENTENZA)