“Ritengo che per le associazioni no profit la guerra in corso tra la Russia e l’Ucraina ha comportato un aumento spropositato dei costi dell’energia. Insieme con famiglie e imprese, il mondo del terzo settore sta pagando un prezzo altissimo sul fronte del caro bollette. Parliamo di quasi 400mila onlus in Italia che impiegano 850mila dipendenti. Solo a titolo di esempio, perché è una realtà che ben conosco, la Comunità di San Patrignano ha ricevuto per agosto una bolletta energetica da 730mila euro. Solo un anno fa era di 70mila. Penso che la soluzione più adeguata sia quella di utilizzare gli incassi provenienti dal gioco d’azzardo e dalle scommesse. Le realtà no profit sono state colpevolmente dimenticate nel decreto Aiuti e nel dl Aiuti-bis. L’intervento ad hoc contenuto nella bozza del dl Aiuti-ter, invece, non appare al momento sufficiente a sostenere le ingenti spese causate dagli aumenti dell’energia. Occorrono correttivi urgenti e pensare a soluzioni strutturali”. Così in una nota l’assessore al Welfare e vicepresidente della Regione Lombardia, Letizia Moratti (foto).

Articolo precedenteCamera, Casu (PD): “Contrastare la ludopatia attraverso i nudge”
Articolo successivoGiochi, Tribunale di Milano: “Diritto di recesso del concessionario, nessun obbligo di preservare l’interesse del gestore a mantenere il contratto efficace per l’intera durata”