sts

“A distanza di 24 ore dall’analogo provvedimento adottato dal Friuli Venezia Giulia, anche il Lazio vota la proroga del distanziometro. Un rinvio molto atteso che arriva “in zona Cesarini”, visto e considerato che il divieto di installare apparecchi da intrattenimento in tutti gli esercizi posti sotto distanza dai luoghi sensibili individuati dalla Legge Regionale n. 5/2013 sarebbe entrato in vigore alla fine di questo mese”. Così in una nota il Sindacato Totoricevitori Sportivi.

“Tramite apposita modifica della disciplina in materia di prevenzione e trattamento del gioco d’azzardo patologico, il termine è slittato al mese di agosto 2022. Un ano che può dare prospettive di ripresa agli operatori del settore dopo i lunghi mesi di chiusura causa Covid.

Un anno durante il quale FIT e STS continueranno il dialogo avviato con l’amministrazione regionale insieme ad altre sigle sindacali.

Il rinvio votato dal Consiglio laziale è infatti frutto di un lavoro sinergico svolto con diverse rappresentanze del comparto dei giochi finalizzato a superare il distanziometro in quanto strumento non idoneo a tutelare la salute pubblica e nello stesso tempo dannoso per le attività legali.

Nella convinzione che la salvaguardia della salute pubblica passi piuttosto per il contrasto al gioco clandestino e per la salvaguardia della rete terrestre di gioco, proseguiremo su questa strada puntando a una modifica della Legge Regionale prima della dead line di agosto 2022”.