“In Piemonte si torna a parlare di bische… un passo indietro epocale, diretta conseguenza di un proibizionismo folle e anacronistico. È ormai chiaro che la legge regionale vada cambiata al più presto”. Così Sapar in merito all’intervento sul proibizionismo dell’ex sostituto procuratore della Repubblica, Antonio Rinaudo.