Un incontro positivo e proficuo nel corso del quale sono state formulate osservazioni sulla Legge regionale n. 9/2018, attraverso cui si introduce il “distanziometro” dai luoghi sensibili anche per altre tipologie di apparecchi da intrattenimento come i videogiochi, flipper e calciobalilla, al quale si aggiunge la norma che prevede limiti orari di 8 ore per gli esercizi commerciali che ospitano questa tipologia di apparecchi e la rimozione immediata degli apparecchi dai bar.

È quanto emerso dall’incontro fra la delegazione Sapar e la commissione anti ‘ndrangheta, svoltosi oggi a Catanzaro nella sede della Regione.

“Ringraziamo ancora una volta l’on. Arturo Bova e tutta la commissione per la disponibilità dimostrata – dichiara il presidente Sapar Domenico Distante –. Nel corso dell’audizione abbiamo ribadito la necessità improrogabile di salvaguardare gli investimenti delle piccole e medie imprese esistenti e garantire il mantenimento di oltre 6mila posti di lavoro. È necessario proseguire un dialogo costruttivo con la commissione, e da questo punto di vista abbiamo riscontrato piena disponibilità da parte loro, al fine di attuare una serie di azioni condivise volte a coniugare le diverse esigenze, sia sul piano sociale che su quello economico a tutela dei gestori e degli esercenti, oltra alla salvaguardia dei posti di lavoro”.