“L’immunità di gregge si otterrà solo a vaccinazione collettiva ultimata. Ma serve troppo tempo, il Paese non può aspettare la fine dell’anno. Le categorie produttive sono al collasso e la gente è profondamente ferita sul piano psicologico. Bisogna convivere col virus correndo un rischio calcolato. E’ ora di permettere delle aperture, pur sapendo che la curva si alzerà”.

Sono le Parole del coordinatore scientifico del comitato governativo Covid. “Nell’articolo – scrive in una nota Sapar – le parole pesano come macigni su un governo che ostina a tenere chiuse le attività produttive anche se mai state fonte di contagio. Gia in passato il CTS si era espresso favorevolmente sull’apertura dei punti gioco. E come al solito il governo sente solo quello che vuole sentire. Per quanto tempo ancora si possono tenere 150mila lavoratori a casa? Per quanto tempo ancora dobbiamo regalare miliardi alle mafie e sottrarle alle casse dello stato?”.