“L’Associazione Nazionale SAPAR darà pieno appoggio alla manifestazione dei lavoratori del Gioco Legale che si terrà Giovedì 29 Aprile in Piazza Oderico da Pordenone, Roma dalle ore 15:00. E’ importante esserci ed esserci tutti, uniti, per far sentire con forza la voce degli occupati del comparto del Gioco Legale di Stato, quello degli apparecchi da intrattenimento, che nel Lazio occupa direttamente ed indirettamente circa 13.000 operatori e che garantisce la dignità di circa 13.000 famiglie. E’ arrivato il momento di far emergere la verità e di isolare quelle posizioni che, giocando sul luogo comune e sulla disinformazione, stanno cercando di distruggere chirurgicamente solo un comparto del Gioco Pubblico, l’unico composto principalmente da PMI legate al territorio e da una filiera occupazionale enorme. Un comparto composto da imprenditori capaci ed onesti, da ricevitori professionali e da manodopora altamente specializzata, che garantisce un gettito erariale di primaria importanza e che rappresenta un indiscutibile presidio di legalità sul territorio ha il diritto di confrontarsi con interlocutori politici preparati e corretti. Al 10° mese di fermo totale negli ultimi 12, avendo ricevuto aiuti praticamente inesistenti e senza prospettive certe in merito alla possibile ripresa delle attività è indispensabile l’apertura di un tavolo di confronto con la politica regionale al fine di scongiurare il collasso irreversibile del sistema legale con conseguenze devastanti sul piano della sicurezza e della tutela dei consumatori”. Così in una nota il presidente Sapar, Domenico Distante (nella foto) e il presidente della delegazione Sapar Lazio, Gabriele Perrone.