Nella foto Antonio Guitto (a sinistra) e Pasquale Chiacchio (a destra)

Nella giornata di ieri, Pasquale Chiacchio insieme ad Antonio Guitto, nella qualità di Presidente e Vice Presidente di A.G.S.I.,in rappresentanza di CNI – A.GI.LE – C.G.S.S. – Giocare Legale, sono stati ascoltati in audizione, dal Presidente della Commissione Politiche Sociali, il consigliere comunale di Napoli Massimo Cilenti, proseguendo di fatto, l’attività di confronto che va avanti da qualche anno, con il chiaro intento di portare all’attenzione delle Istituzioni locali e nazionali le problematiche delle imprese del settore “gioco legale”, dopo oltre due anni di emergenza covid. L’incontro svoltosi a Palazzo Verdi, sede del Consiglio comunale di Napoli, ha visto la presenza, oltre che di Cilenti, Chiacchio e Guitto, anche dei componenti della Commissione, i consiglieri comunali Toti Lange, Rosario Andreozzi, Gennaro Esposito e dei colleghi Iris Savastano e Sergio Colella, in diretta streaming.

In collegamento anche il prof. Felice Laudadio, legale dell’Associazione Gestori Scommesse Italia. “Prosegue in commissione l’ascolto finalizzato alla costruzione di proposte per rafforzare i percorsi di prevenzione del disturbo da gioco d’azzardo”, ha spiegato Massimo Cilenti, presidente della commissione Politiche sociali a conclusione della riunione. “Abbiamo avuto – sottolinea Cilenti – un confronto costruttivo con il Presidente dell’A.G.S.I., ed è emersa la necessità che vengano attuate le disposizioni previste dalla legge regionale 2/2020 per la prevenzione e la cura del disturbo da gioco d’azzardo e per la tutela sanitaria, sociale ed economica delle persone affette e dei loro familiari. In tal senso stiamo preparando una nota da inviare alla Regione per sollecitare l’attuazione degli effetti della legge e rendere operativo l’Osservatorio regionale sul disturbo da gioco d’azzardo.

Inoltre, in ottemperanza alla legge, in collaborazione con i gestori e le associazioni contro i rischi del DGA, sarà programmata nel mese di settembre una giornata No Gambling per aumentare la consapevolezza sul territorio dei fenomeni di dipendenza correlati al gioco, nonché dei rischi relazionali e per la salute”. Posizione pienamente condivisibile dal presidente di A.G.S.I., Pasquale Chiacchio, che però ha tenuto a sottolineare “l’alto valore delle imprese di “gioco legale”, visto che tutte sono concessionari dello Stato e la correttezza degli imprenditori, che pur massacrati da due anni di covid, con chiusure forzate e restrizioni, sono in prima linea per la lotta alla ludopatia e ai giochi illegali, che pongono il consumatore nella condizione di dipendenza dal DGA”.

In merito all’Osservatorio regionale, Chiacchio e Guitto, hanno voluto ricordare alla Commissione, che un rappresentante dell’Associazione fa parte dell’organismo regionale. Per quanto riguarda la “giornata No Gambling”, si sono dichiarati disponibili per l’organizzazione. Il Presidente Cilenti e il Presidente Chiacchio, hanno dichiarato che presto ci sarà un ulteriore incontro in Commissione, per porre una maggiore attenzione sulla legge regionale e il regolamento comunale.

Articolo precedenteScommesse a Roma, nuove assoluzioni: il sistema è discriminatorio
Articolo successivoScommesse, Tar Friuli: “Subingresso nell’attività non comporta successione nei contratti di gioco, necessario nuovo atto soggetto al rispetto del distanziometro”