Pasquale Chiacchio, presidente di “A.G.S.I.” in rappresentanza di CNI – A.GI.LE – C.G.S.S. – Giocare Legale -, e Antonio Guitto (componente di A.G.S.I.), sono stati ricevuti dal presidente della Camera di Commercio di Napoli, Ciro Fiola. Un secondo incontro, con cui hanno delineato una linea comune, nell’intento di tentare di risolvere le problematiche del settore “gioco legale”, ulteriormente aggravate dopo due anni di pandemia covid e che vive ulteriori difficoltà, vista la crisi dovuta al conflitto bellico in Ucraina. Gli imprenditori del settore “gioco legale” hanno manifestato al Presidente dell’ente camerale la mancanza di liquidità e finanziamenti, problema aggravato dal problematico rapporto con le banche, che in maniera pregiudiziale non offrono alcuna possibilità di sostegno alle imprese, passando addirittura alla chiusura dei conti correnti delle imprese del settore dei giochi legali mettendo di fatto sul lastrico gli imprenditori, costretti loro malgrado a chiudere le attività dopo numerosi anni di servizio pubblico. Una situazione diventata insostenibile, che ha indotto Fiola e Chiacchio a ragionare sulla possibilità di organizzare un convegno alla presenza di imprenditori, rappresentanti di banche, presidenti enti camerali, parlamentari e il sottosegretario di stato con la delega ai “giochi”, con il chiaro obiettivo di porre l’attenzione nazionale sull’agognata situazione e invitare il legislatore a venire incontro alle imprese del settore dei giochi legali che lavorano con autorizzazione dello Stato.