Dal punto di vista della German Sports Betting Association (DSWV), la bozza di un nuovo regolamento statale sulla regolamentazione dei giochi, che gli Stati federali hanno concordato nel fine settimana, è un primo passo verso una regolamentazione dei giochi moderna e conforme al mercato.

Il trattato, che dovrebbe entrare in vigore il 1 ° luglio 2021, interviene sul rigoroso divieto sul gioco, che si è rivelato inefficace, specie nell’era digitale. I mercati delle scommesse sportive e del gioco d’azzardo online devono essere aperti concedendo permessi agli operatori privati. Il DSWV si compiace della creazione di un’autorità di controllo del gioco centrale e professionale, a condizione che possa reagire in modo flessibile agli sviluppi del mercato.

Tuttavia, le numerose criticità del progetto di legge nel suo insieme mettono in discussione il successo del trasferimento della domanda dei clienti nel mercato regolamentato. Il presidente di DSWV, Mathias Dahms, evidenzia il maggiore dei punti critici secondo i fornitori di scommesse sportive:

“Ciò che è particolarmente problematico per noi è l’ammissibilità molto rigorosa delle scommesse live esclusivamente sul risultato finale o sul prossimo goal negli sport con un numero limitato di goal, come il calcio. I mercati delle scommesse live più importanti come tennis, pallamano o pallacanestro, nonché i più popolari moduli di scommesse live come scommesse over / under non potrann più essere offerti. Non bisogna dimenticare che le scommesse live sono particolarmente popolari e rappresentano circa il 60 percento di tutte le scommesse. I consumatori delusi si rivolgeranno alle offerte del mercato nero che non soddisfano i requisiti legali. “

Con altre normative, il contributo alla protezione dei giocatori è dubbio, ma la complessità è molto elevata, secondo Dahms:

“Un limite di deposito mensile tra tutti i provider di 1.000 euro per cliente limita il mercato in modo completamente arbitrario e non contribuisce alla protezione del giocatore. Con il gigantesco sforzo tecnico di un “file di attività” centrale, si deve anche impedire l’uso parallelo di varie offerte di gioco d’azzardo su Internet. Il tempo di attesa associato di 5 minuti quando si passa da un’offerta a un’altra ignora completamente la realtà della vita dei consumatori nell’era digitale. “

Dal punto di vista di Dahms, è ancora troppo presto per una valutazione finale del Trattato:

“Gli stati federali hanno presentato un quadro normativo estremamente complesso, di quasi 70 pagine. Ci serve tempo per analizarlo con l’attenzione che merita. Presenteremo i risultati di questa analisi all’audizione dell’associazione il 19 febbraio 2020 a Düsseldorf. “