“I produttori di apparecchi da intrattenimento sono d’accordo con l’introduzione della tessera sanitaria perchè contribuirà a modificare la percezione sull’offerta di gioco”.

E’ quanto dichiarato da Roberto Mazzucato, Presidente Acmi Interactive, intervenendo al focus organizzato dall’associazione dal titolo “A tutela del consumatore“, nella sede di Palazzo dell’Informazione, a Roma, in Piazza Mastai.

“Il Governo ha introdotto sostanzialmente due ambiti per la tutela del consumatore. Ritengo sia una pietra miliare relativamente al fatto che questa tipologia di nuove apparecchiature che verranno prodotte daranno una prova concreta della non possibilità di gioco per i minorenni. Altra cosa importante, l’introduzione della tessera sanitaria arriverà nel corso di quest’anno e il comparto produttivo è pronto. Siamo a favore, come detto contribuirà a cambiare il percepito del nostro lavoro. Assieme a questo il Governo ha introdotto l’obbligo di registrare e mettere a disposizione gli orari di gioco delle apparecchiature, affinchè si possa effettuare un monitoraggio in tempo reale o ante post relativamente all’utilizzo delle apparecchiature nei locali pubblici al di fuori delle fasce orarie consentite dalle normative degli enti locali. Una cosa importante è che una tutela fondamentale del consumatore, soprattutto in questo momento storico, è l’informazione che viene data al giocatore. La tutela più importante in questo ambito passa attraverso il gioco legale. Credo quindi che in un mondo e in uno Stato di diritto come il nostro la cosa più importante sia far arrivare la corretta informazione, ben vengano strumenti che aumentano la sicurezza del prodotto, che vietano l’utilizzo ai minorenni, però di pari passo abbiamo necessità di far uscire realmente che cosa è il gioco legale, l’unico baluardo a tutela del giocatore, che consente a chi vuole avere questa esperienza di giocare con regole certe e sicure, che rispettino la legge”.

E ancora: “La nostra volontà sarebbe quella di utilizzare il terminale di gioco come un mezzo informativo. Quello che esiste è che le nostre apparecchiature possono rendere i consumatori consapevoli sul prodotto. Questo aumenterebbe la percezione giusta, fa pensare a cosa la persona sta facendo”.