“Scade il 2 settembre prossimo il termine per inoltrare l’istanza di accesso al contributo a fondo perduto previsto dall’art. 1, commi da 5 a 15 del “Sostegni bis”, alternativo a quello automatico di cui ai commi da 1 a 4 della stessa norma”. Così Fipe in una nota.

“E’ bene precisare che qualora l’impresa abbia già ricevuto il contributo automatico di cui sopra potrà presentare domanda per accedere al beneficio in oggetto, ricevendo in futuro soltanto l’eventuale valore eccedente di quest’ultimo.

Come si ricorderà beneficiari sono i soggetti che svolgono, tra le altre, attività d’impresa con partita IVA già attiva alla data del 26 maggio scorso e che:

– abbiano registrato una perdita media mensile del fatturato e dei corrispettivi pari almeno al 30% nel periodo compreso tra il 1° aprile 2020 e il 31 marzo 2021 rispetto al periodo che intercorre tra il 1° aprile 2019 e il 31 marzo 2020;
– nel corso del 2019 abbiano realizzato ricavi o compensi non superiori a 10 milioni di euro.

Il contributo verrà erogato mediante accredito su conto corrente oppure mediante il riconoscimento di un credito d’imposta – utilizzabile in compensazione tramite modello F24 – a seconda della preferenza espressa nell’istanza.

Per saperne di più, contatta la nostra Associazione territoriale a te più vicina!”.