E’ stato presentato questa mattina, negli spazi dello stand della FISE presso Fiera Cavalli a Verona, un innovativo Protocollo d’Intesa tra la Regione del Veneto, l’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto e la Federazione Italiana Sport Equestri che prevede una collaborazione educativa scolastica per la promozione, la diffusione e la pratica della cultura e dello sport equestri con azioni sono previste nel corso dell’anno scolastico 2022/2023.

“L’animale nobile per definizione è il cavallo e avvicinare i giovani fin da piccoli alla cultura dell’animale attraverso lo sport e ad una dimensione di relazione sarà molto utile anche per superare i traumi dell’isolamento che i nostri bambini, soprattutto i più piccini, si portano addosso dopo la pandemia – ha commentato Elena Donazzan, Assessore regionale all’istruzione, formazione e lavoro in occasione della presentazione dell’iniziativa -.  Il battesimo della sella dei ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado con questo bell’animale ci restituisce una riscoperta della relazione che ha una grande valenza pedagogica ed educativa”.

Erano presenti nell’occasione allo stand, oltre all’Assessore Donazzan, Clara Campese presidente di FISE Comitato Regione Veneto, la responsabile del progetto Sonia Marai e Chiara Tani, dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo Rodari di Rossano Veneto.

Obiettivo del protocollo, è quello di favorire la diffusione della conoscenza degli sport equestri tra gli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado del Veneto, in tutte le discipline ludiche ed addestrative nelle quali sono attualmente praticati, al fine di: avvicinare gli studenti del primo ciclo di istruzione agli sport dell’equitazione in quanto particolarmente utili a sviluppare abilità non solo motorie, ma anche psicologiche, cognitive e comportamentali; sensibilizzare gli studenti al rispetto dell’ambiente e della natura attraverso la conoscenza diretta degli animali e del territorio; rafforzare negli studenti la consapevolezza e la fiducia in sé stessi, costruendo un percorso educativo mirato allo sviluppo di relazioni interpersonali incentrate sulla responsabilità e il rispetto dell’altro.

Destinatari degli interventi programmati sono gli studenti del primo ciclo (scuola primaria e secondaria di primo grado) di tutte le istituzioni scolastiche statali e paritarie, con sede in Veneto. Presente nell’occasione una classe dell’Istituto Comprensivo G. Rodari di Rossano Veneto (VI), che ha già sperimentato l’esperienza attraverso lezioni con dei pony.

Articolo precedenteTenta furto di Gratta e Vinci in tabaccheria, denunciato 23enne a Trento
Articolo successivoVeneto, il presidente Zaia: “Pronti a completare la nuova ippovia”