European Lotteries: “Tassazione leva importante per ridurre l’attrattività dei prodotti di gioco e proteggere i consumatori”

European Lotteries ha recentemente presieduto un seminario a Bruxelles per discutere l’importanza della tassazione come strumento per regolamentare il gioco d’azzardo. Ospitato dalla Loterie Nationale Loterij, la lotteria nazionale belga, il seminario ha visto dal 12 al 13 maggio la partecipazione di esperti legali tra i membri di EL. Uno dei contributori dell’evento è stato Filip Smet, Direttore del team di risoluzione delle controversie fiscali di Deloitte, che ha proposto la tassazione come strumento di regolamentazione, in cui le principali funzioni della tassazione includono quella finanziaria, redistributiva e normativa.

Smet ha affermato che gli operatori, non i giocatori, dovrebbero rimanere gli unici responsabili, ma ha suggerito una maggiore cooperazione per far rispettare le tasse, con le norme fiscali dell’UE e internazionali che offrono “grandi opportunità” per la tassa come strumento di regolamentazione.

Nel frattempo, Philippe Vlaemminck, consulente legale di EL, ha concentrato la sua presentazione sulla tassazione del gioco d’azzardo e sulla giurisprudenza della Corte di giustizia europea (CGUE), sottolineando che la regola fiscale fondamentale nel gioco d’azzardo è che non ci sia discriminazione tra i vari Paesi nel trattamento dei servizi nazionali di gioco d’azzardo. Pieter Remmers, segretario generale dell’Associazione europea per lo studio del gioco d’azzardo, ha concluso la prima giornata di eventi promuovendo la tassazione come veicolo importante per migliorare il gioco responsabile.

Il giorno seguente, Thomas van Ditzhuijsen, avvocato fiscale presso KPMG Meijburg, si è concentrato sui sistemi di tassazione delle lotterie nell’UE, inclusa la responsabilità per i giocatori transfrontalieri di essere conformi alle tasse. C’è stato anche tempo per riflettere sui potenziali cambiamenti del sistema quando Giuseppe Pelle, Institutional Relations Manager presso IGT Lottery e Executive Chair della EL Taskforce on Illegal Gambling, ha valutato se una nuova tassazione potesse essere uno strumento nella lotta contro gli operatori illegali dell’industria.

Concludendo, una dichiarazione di EL recitava: “I membri di EL ritengono che la tassazione sia una leva importante che può essere utilizzata per ridurre l’attrattiva dei prodotti di gioco e quindi per proteggere i giocatori (tra l’altro esiste una diretta correlazione tra l’incremento dei livelli di dipendenza è payout elevati). La tassazione è un dossier che sarà seguito da vicino da EL”.

Articolo precedenteRapporto Eurispes 2022: raccolta del gioco d’azzardo a quota 125 miliardi
Articolo successivoSottrae al cliente Gratta e Vinci da 100mila euro: indagato per truffa aggravata tabaccaio alla periferia di Milano, la compagna dovrà rispondere di ricettazione