“In una situazione di particolare difficoltà che sta attraversando l’intero Paese a causa dell’emergenza da “Coronavirus”, sarebbe opportuno non gravare le imprese di ulteriori adempimenti e costi. La “lotteria degli scontrini” – il cui avvio è previsto a partire dal prossimo 1° luglio – potrebbe presentare una serie di criticità operative di non semplice risoluzione – un esempio significativo sono i pubblici esercizi – oltre a gravare le medesime imprese di ulteriori costi dovuti all’adeguamento tecnico dei Registratori Telematici. Sarebbe, pertanto, auspicabile prevedere una proroga dell’entrata in vigore della lotteria al 1° gennaio 2021”. Così Confcommercio in una nota.

L’associazione, in seguito alle ultime disposizioni previste per fronteggiare l’emergenza Coronavirus, ha richiesto inoltre al Governo nazione l’estensione delle agevolazioni economiche previste per le “zone rosse” anche per il resto del territorio nazionale.