“I sostegni non bastano. Bisogna costruire un futuro a misura di piccole imprese”. E’ il messaggio lanciato oggi dal Presidente di Confartigianato Marco Granelli in un’intervista al Tg2. “Gli artigiani – ha detto Granelli – sono stati colpiti duramente dalla crisi. Il 32% delle piccole imprese avrà gravi difficoltà operative a ripartire, in alcuni settori come il manifatturiero e la moda le perdite sono state molto pesanti. Gli aiuti decisi dal Governo sono arrivati, ma sono insufficienti a compensare l’impatto della crisi su un mondo così vasto come quello degli artigiani e delle piccole imprese”.

“Le piccole aziende – ha fatto notare il Presidente di Confartigianato – hanno anche saputo reagire, reinventarsi anche grazie all’utilizzo delle tecnologie digitali sono riuscite a riconvertirsi. Sul fronte del lavoro vanno riconosciuti ammortizzatori in grado di valorizzare la specificità degli strumenti della bilateralità artigiana e va rilanciata la formazione tecnica e professionale”.

Articolo precedenteEuropean Lotteries: “L’intelligenza artificiale nel futuro delle lotterie”
Articolo successivoConfesercenti Trentino, Fiepet: “Bene la manovra Pat da 350 milioni in aiuto delle aziende. Ora tavolo permanente anticrisi, chiediamo intervento anche dei Comuni”