“A due anni dal provvedimento legislativo incluso nel Decreto Dignità, che vietava ogni forma di pubblicità legata al gioco, è possibile affermare con cognizione di causa che la misura così strutturata ha fallito su più livelli. Innanzitutto ha fallito nel…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati