C’è soddisfazione nelle parole di Domenico Distante, presidente di Sapar, a pochi minuti dall’approvazione in Consiglio Regionale della Puglia della modifica alla legge regionale che mette in salvo le sale giochi esistenti dal rischio di chisura pe l’applicazione del distanziometro dai luoghi sensibili. “Quella di oggi è una conquista di tutte le associazioni che hanno lavorato per salvare dal rischio chiusura molte imprese. Dobbiamo ringraziare tutti quelli che ci hanno sostenuto. Peccato che qualcuno abbia giocato sporco, semplicemente per una forma di concorrenza.  Alla fine le cose sono andate come speravamo’ .

. “La proposta votata a larga maggioranza dall’Assemblea regionale – dichiara il presidente Sapar, Domenico Distante – va nella giusta direzione, premia gli sforzi fatti dalle organizzazioni di settore e dai sindacati, riconosce i numerosi punti di condivisione e soprattutto tutela migliaia di posti di lavoro”. ”Apprezziamo e riconosciamo al presidente della Regione Puglia Michele Emiliano il coraggio e la sensibilità dimostrata insieme con le forze politiche che in questa circostanza hanno dato prova di grande senso di responsabilità e di rispetto nei confronti delle categoria”. “Riteniamo che quanto fatto in Puglia, con spirito di grande collaborazione,  possa costituire un modello pilota da applicare anche nelle altre regioni d’Italia”.

La norma approvata decade la norma transitoria del vecchio testo.

Il distanziometro passa da 500 a 250 metri, salvaguardati gli esercizi già esistenti  per i quali non è più previsto alcun termine di decadenza.