“Pubblicato nelle scorse ore dalla Conferenza delle Regioni delle Provincie autonome le linee guida per la riapertura delle attività Economiche, produttive ricreative. A seguito del recente decreto Ministeriale sul SARS-CoV-2 ci sembra opportuno condividere il documento integrale. Per quanto riguarda il nostro settore cambia poco rispetto a quanto già in vigore presso le attività ricreative”. Così in una nota Sapar. “In ogni caso oltre al documento integrale scaricabile da qui, mettiamo in evidenza anche l’allegato 10 a cui si fa riferimento che riguarda in particolare modo i dipendenti”.

Allegato 10 – Criteri per Protocolli di settore elaborati dal Comitato tecnico-scientifico in data 15 maggio 2020

Nel premettere che le raccomandazioni di carattere sanitario del Comitato tecnico-scientifico (CTS) sono basate sullo stato attuale delle evidenze epidemiologiche e scientifiche e sono passibili di aggiornamento in base all’evoluzione del quadro epidemiologico e delle conoscenze, le stesse hanno la finalita’ di fornire al decisore politico indicazioni utili al contenimento dell’epidemia da SARS-CoV-2. La realta’ epidemiologica, produttiva, sociale ed organizzativa del Paese nonche’ i fattori rilevanti nel determinare la dinamica dell’epidemia da SARS-CoV-2 (es. trasporti, densita’ abitativa, servizi sanitari e sociali) differiscono e potranno differire significativamente nel corso dell’epidemia nelle diverse aree del paese, sia su base regionale che provinciale. In questa prospettiva e considerata la specificita’ tecnico organizzativa delle richieste e dei documenti provenienti dai diversi ministeri, il CTS individua il proprio compito specifico nella espressione di raccomandazioni generali di tipo sanitario sulle misure di prevenzione e contenimento rimandando ai diversi proponenti ed alle autorita’ locali competenti la scelta piu’ appropriata della declinazione di indirizzo ed operativa sulla base della piu’ puntuale conoscenza degli aspetti tecnico organizzativi negli specifici contesti. In ogni caso e’ essenziale che a livello nazionale, regionale e locale vi sia una valutazione puntuale del possibile impatto in termini di circolazione del virus SARS-CoV-2 delle diverse azioni, cosi’ da contenere la circolazione del virus al livello piu’ basso possibile. In tale contesto, relativamente alle ipotesi di rimodulazione delle misure contenitive in vista della graduale riapertura, sono stati predisposti su richiesta dei ministeri competenti documenti tecnici e pareri per alcuni settori di maggiore complessita’, finalizzati a supportare il processo decisionale con elementi di analisi e proposte di soluzioni tecnico-organizzative che necessariamente devono trovare poi una modulazione contestualizzata a livello regionale e locale con il coinvolgimento delle autorita’ competenti. Al fine di garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori e dell’utenza coinvolta nelle attivita’ produttive e’ necessario che i principi di declinazione di protocolli condivisi di settore tengano conto della coerenza con la normativa vigente, incluso il “Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” aggiornato al 24 aprile 2020. I principi cardine che hanno informato ed informano le scelte e gli indirizzi tecnici sono: 1. il distanziamento sociale: mantenendo una distanza interpersonale non inferiore al metro; 2. la rigorosa igiene delle mani, personale e degli ambienti; 3. la capacita’ di controllo e risposta dei servizi sanitari della sanita’ pubblica territoriale ed ospedaliera. Per garantire a tutti la possibilita’ del rispetto di tali principi e’ necessario prevedere specifiche misure di sistema, organizzative, di prevenzione e protezione, igieniche e comunicative declinate sullo specifico contesto produttivo e di vita sociale, tenendo presente i seguenti criteri anche facendo riferimento ai documenti di indirizzo prodotti da ISS e INAIL: 1. Il rischio di aggregazione e affollamento e la possibilita’ di prevenirlo in maniera efficace nelle singole realta’ e nell’accesso a queste; 2. La prossimita’ delle persone (es. lavoratori, utenti, ecc.) rispetto a contesti statici (es. persone tutte ferme in postazioni fisse), dinamici (persone in movimento) o misti (contemporanea presenza di persone in posizioni fisse e di altre in movimento); 3. L’effettiva possibilita’ di mantenere la appropriata mascherina da parte di tutti nei contesti raccomandati; 4. Il rischio connesso alle principali vie di trasmissione (droplet e contatto) in particolare alle contaminazioni da droplet in relazione alle superfici di contatto; 5. La concreta possibilita’ di accedere alla frequente ed efficace igiene delle mani; 6. L’adeguata aereazione negli ambienti al chiuso; 7. L’adeguata pulizia ed igienizzazione degli ambienti e delle superfici; 8. La disponibilita’ di una efficace informazione e comunicazione. La capacita’ di promuovere, monitorare e controllare l’adozione delle misure definendo i conseguenti ruoli.