“Gli scienziati del Cts hanno suggerito anche la chiusura delle attività a rischio, come palestre, parrucchieri, cinema e teatri… Ci sfugge qualcosa, qualcuno ha letto sale da gioco nella lista degli scienziati?”. Così in una nota Sapar.

Advertisement

“Siamo di fronte alla palese incapacità delle Regioni di gestire questa emergenza. I signori governatori hanno passato l’estate a fare campagna elettorale e a preoccuparsi di tenere le discoteche piene. Addirittura al governo risultano attivate nelle regioni meno ventilatori polmonari forniti nei mesi scorsi di quelli disponibili. Al punto che il Ministro Boccia nella conferenza Stato Regioni si sia rifiutato di fornirne altre fino a che quelle già fornite non verranno attivate (presumibilmente sono ancora sotto il cellofan).

Per mesi l’unico argomento è stata la (molto fantasiosa) soluzione ai tutti i mali della scuola, ovvero le rotelle sotto i banchi. Virus Party negli autobus, tram e metropolitane strapiene come polli d’allevamento. E la soluzione brillante quale è? Ovviamente scuole chiuse (e le rotelle nuove?). Sale da gioco chiuse (in nessuna lista di pericolo di scienziati)”.

Aggiunge ironicamente Sapar: “Con le sale da gioco chiuse queste immagini saranno solo un lontano ricordo. Dalla stazione di Milano Cadorna è tutto, buona giornata…”