“Il gioco responsabile e più sicuro è un obiettivo essenziale ogni giorno dell’anno, tutti desideriamo un settore sostenibile con clienti che possano divertirsi giocando in un ambiente sicuro. Ma ora è ancora più importante poiché milioni di europei sono isolati in casa a causa del blocco del Coronavirus”. Lo ha detto Maarten Haijer (foto), segretario generale Egba (European Gaming and Betting Association).

“Per fortuna ci sono molti strumenti disponibili per aiutare i giocatori d’azzardo a gestire le proprie attività online in modo responsabile. Ma l’onere non dovrebbe riguardare solo i clienti, anche le società di giochi d’azzardo online dovrebbero agire in modo responsabile ed essere consapevoli delle loro responsabilità sociali in questi tempi difficili. Il buon senso fa molta strada.

Ecco perché le società di gioco online dovrebbero garantire che gli strumenti di gioco responsabili siano ampiamente disponibili per i loro clienti e che tali strumenti siano visibili, accessibili e facili da usare.

L’autoesclusione è uno di questi strumenti e consente ai clienti di vietarsi (permanentemente o temporaneamente) di accedere a uno specifico sito Web di gioco d’azzardo. È naturalmente una rete di sicurezza vitale per coloro che sperimentano il gioco d’azzardo problematico e/o desiderano smettere di giocare. Le società responsabili (compresi i membri EGBA) forniscono già strumenti di autoesclusione ai propri clienti – ed è un requisito legale in almeno 23 paesi dell’UE.

Esistono anche registri nazionali di autoesclusione. Questi registri consentono ai clienti di vietarsi di accedere a tutti i siti web di giochi d’azzardo autorizzati in un Paese. 14 paesi dell’UE hanno già istituito questi registri e riteniamo che tutti i paesi dovrebbero averne uno. È importante che questi registri siano facili da usare e non facilmente aggirabili.

Sfortunatamente, i registri di autoesclusione non si applicano ai siti web di gioco d’azzardo sul mercato nero (con sede al di fuori dell’UE) che operano al di fuori del controllo delle autorità nazionali di regolamentazione del gioco d’azzardo e delle loro leggi. Pertanto, questi siti web possono evitare il rispetto dei registri di autoesclusione e ignorare molte altre responsabilità sociali essenziali. Nel contesto del gioco d’azzardo più sicuro, i regolatori nazionali del gioco d’azzardo devono intensificare gli sforzi per contrastare questi operatori.

A tale proposito, la pubblicità svolge un ruolo fondamentale nel segnalare ai clienti le società di gioco d’azzardo online autorizzate/regolamentate che rispettano le norme di protezione dei consumatori del loro paese e la cui attività rientra nel controllo dell’autorità nazionale di gioco.

Senza pubblicità autorizzata, i clienti sono più suscettibili a giocare sui siti web dannosi del mercato nero – che hanno intensificato i loro sforzi pubblicitari durante il Coronavirus – dove il cliente ha poca o nessuna protezione. Questa è una prospettiva che tutte le parti interessate dovrebbero cercare di evitare.

Detto questo, incoraggiamo le società autorizzate a tenere conto delle proprie attività in questi tempi difficili e intensificare i propri sforzi di gioco più sicuri. Ecco perché abbiamo recentemente pubblicato una guida su come le aziende possono promuovere il gioco d’azzardo più sicuro e la pubblicità responsabile. Esortiamo tutte le compagnie di gioco online ad applicare queste misure essenziali.

Mentre è estremamente importante che le società di gioco d’azzardo online siano vigili nel proteggere i propri clienti durante questo blocco, le preoccupazioni di una “esplosione del gioco d’azzardo online” sono infondate.

La cancellazione dei principali eventi sportivi e la conseguente perdita di entrate delle scommesse sportive ha un impatto negativo sui bookmaker online: il traffico e le entrate del sito web diminuiranno. Questo perché le scommesse sportive rappresentano quasi la metà dell’attività di gioco d’azzardo online in Europa. In assenza di eventi sportivi su cui scommettere, alcuni clienti di scommesse sportive potrebbero passare ad altri giochi verticali ma la maggior parte semplicemente smetterà di scommettere fino a quando gli sport non riprenderanno. Ciò si riflette nei recenti aggiornamenti del mercato.

Qui in Belgio, la scorsa settimana il governo ha confermato che il traffico verso i siti web di giochi d’azzardo autorizzati è diminuito del 38% (dai livelli pre-COVID19). Un calo significativo che il governo attribuisce al calo delle scommesse sportive.

Questa realtà si riflette anche nelle recenti previsioni di H2 Gambling Capital che prevedono un calo del 12,5% nei ricavi di gioco globali del 2020 (rispetto al 2019). Mentre la quota del gioco d’azzardo online sul mercato in calo del gioco d’azzardo dovrebbe aumentare del 3% – dal 13% al 16% -, il gioco d’azzardo online in termini reali diminuirà a causa del generale declino del mercato.

Ciò è contrario a quanto molti hanno predetto e smentisce le preoccupazioni di coloro che parlano di drammatici aumenti del gioco d’azzardo online, che hanno sostenuto la recente introduzione di severe restrizioni pubblicitarie in alcuni paesi europei”.