“Gentili colleghi, siamo purtroppo consci della grave emergenza che tutto il nostro paese sta attraversando, questo nemico silenzioso e subdolo ha messo in ginocchio la vita e la normalità del meraviglioso paese che è la nostra Italia. Il nostro settore già ampiamente martoriato da legislazioni scellerate aveva già subito dei danni gravi in materia economica.
Ecco perché credo che sia il momento della coesione in quanto, quando questa emergenza sarà conclusa, a mio avviso se ne realizzerà una altrettanto grave, la recessione economica”. Così in una lettera aperta il presidente del Cni (Confederazione Italiana Noleggiatori), Gianmaria Chiodo (foto).

Advertisement

“Per il nostro settore si concretizzerà una ripresa molto difficoltosa e quindi sarà necessaria una vera e seria collaborazione congiunta e coesa tra tutti gli organi del comparto, programmando una conference call tra tutti gli attori principali delle associazioni di categoria e dei concessionari, al fine di creare un documento condiviso per poter richiedere una diminuzione sensibile del Preu per almeno 12 mesi, per permettere a uno dei settori più floridi dell’economia italiana di ripartire dando eque possibilità a tutti gli attori del nostro settore.

Questa comunicazione verrà inoltrata a tutte le associazioni e i concessionari di rete chiedendo di rispondere in un tempo di massimo 10 giorni per poter permettere in tempi brevi di creare il documento e inoltrarlo alle amministrazioni competenti. Nella speranza di avere riscontri positivi da parte di tutti per poter esclamare che siamo un settore coeso vi porgo i miei più distinti saluti” conclude Chiodo.