“In questo momento stiamo combattendo due guerre: la prima è contro il virus, la seconda contro la recessione. Serve quindi la collaborazione responsabile di tutti”.

Advertisement

Così il Presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia ospite su La7 alla trasmissione Piazzapulita.

“Il governo deve procedere a tappe veloci per mantenere in vita anche l’economia del Paese e far ripartire il sistema produttivo una volta sconfitto il virus, come stanno facendo gli altri Paesi. La Germania mette sul tavolo 150 miliardi di euro e garantisce 500 miliardi di prestito alle imprese,la Francia ne mette 45 e ne garantisce 300.

Bisogna fare in fretta e bisogna fare scelte politiche vere. Subito liquidità alle imprese per evitare che l’economia vada in depressione in Italia e in Europa. Dobbiamo cercare che la chiusura fisica di oggi delle imprese non si traduca in una chiusura definitiva domani.

Se questa situazione durasse fino a maggio, abbiamo stimato un calo del 6% del Pil. La metà del tessuto imprenditoriale italiano oggi è in crisi. Per questo, come dice Draghi, abbiamo bisogno di liquidità. Noi chiediamo l’attivazione di un fondo di garanzia, affinché oggi le banche possano dare liquidità alle imprese e domani, alla fine di questo periodo di chiusura, le imprese possano ripagare tutto in 30 anni”.