“Ci aspettiamo che l’Europa cominci a preoccuparsi della fase due, di come governare la fase di transizione per le imprese e avere consapevolezza dell’asse Francia-Italia-Spagna per dare nuova trazione all’Europa”. Così il Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia ieri in collegamento con Piazza Affari, rubrica del TGR, su Rai3.

Il presidente ha accennato alle misure previste dal Governo per fronteggiare l’emergenza, sottolineando quanto i 500 miliardi siano un passo importante per affrontare il nodo della liquidità delle imprese.

“In questo momento bisogna aiutare le aziende con un flusso di liquidità di breve da trasformare poi in un debito a 30 anni, come un debito di guerra, per potersi preparare alla ripresa”.

L’appello lanciato in ultimo dal Presidente è di avere più consapevolezza, perché ci sono due guerre da affrontare: una ai contagi e una alla recessione che non deve diventare depressione. Ci deve essere un momento di grande convergenza nazionale, per costruire la fase attuale e prepararsi alla fase successiva.